• Home
  • Geopolitica
  • I “british invisibles”, adesso sappiamo cosa sono – Umberto Pascali
Tempo di ascolto: 40:17

I “british invisibles”, adesso sappiamo cosa sono – Umberto Pascali

C’è stato ad Aprile – totalmente taciuto dai media – l’incontro tra l’ex presidente di Taiwan e leader del Kuomintang – lo storico e principale partito taiwanese – Ma Ying-Jeou e Xi Jinping nell’ambito di una visita in Cina durata 11 giorni, un fatto storico. L’ex presidente ha dichiarato “le interferenze straniere non possono fermare […]

Pubblicato ilApril 30, 2024 00:00

C’è stato ad Aprile – totalmente taciuto dai media – l’incontro tra l’ex presidente di Taiwan e leader del Kuomintang – lo storico e principale partito taiwanese – Ma Ying-Jeou e Xi Jinping nell’ambito di una visita in Cina durata 11 giorni, un fatto storico. L’ex presidente ha dichiarato “le interferenze straniere non possono fermare le riunioni di famiglia”. Una guerra vittoriosa contro la Russia e la sopravvivenza finanziaria dell’oligarchia occidentale sono ora uniti da un unico filo. Putin e i suoi hanno affermato di avere chiara la posta in gioco quando Putin ha dichiarato che il “ballo dei vampiri sta per finire”, e ha definito i vampiri come “quelli che si riempiono la pancia di carne umana e le tasche di soldi. Quello che è in pericolo per le oligarchie occidentali – con l’emergere dell’egemonia BRICS – è la sopravvivenza del centro finanziario oligarchico: la City di Londra (con collegato WALL Street). Il nuovo sistema Brics, ormai in via di definizione stabile (compreso una moneta), non lascerebbe scampo. Quindi ora Draghi è l’uomo a cui le oligarchie vogliono affidare la trasformazione dell’economia europea in Economia di guerra contro la Russia e i BRICS. Il sostegno e’ evidente. Ultimo uscito allo scoperto per Draghi e’ Macron. Ma tutto sarà più chiaro con l’avvicinarsi, o con il dopo elezioni europee. Il capo dell’FBI Christofer Wray parla di un possibile prossimo atto terroristico negli USA e anche in Russia, un possibile Crokus City Hall 2 per intenderci. La nostra intervista a UMBERTO PASCALI che da Washington ci aggiorna sugli Stati Uniti e sui principali fatti di politica internazionale.