Tempo di lettura: 4:3

Il mondo traballa sulla nuova geopolitica policentrica

Il mondo deve ancora vedere quanto sarà pericoloso il decennio che ci attende, come sarà la nuova architettura geopolitica globale e chi la costruirà. Di Natasha Wright February 22, 2023 Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ne ha parlato nel suo discorso ai colleghi il 10 febbraio 2023 a Mosca: “Tutti noi siamo professionisti […]

Pubblicato ilFebruary 28, 2023 09:54

Il mondo deve ancora vedere quanto sarà pericoloso il decennio che ci attende, come sarà la nuova architettura geopolitica globale e chi la costruirà. Di Natasha Wright February 22, 2023 Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ne ha parlato nel suo discorso ai colleghi il 10 febbraio 2023 a Mosca: “Tutti noi siamo professionisti e sappiamo bene che questa non è certo un’esagerazione”. Lavrov ha elaborato l’osservazione di Vladimir Putin secondo cui questo è un crocevia storico per il mondo e che ci aspetta il decennio più importante, più incerto e più pericoloso dalla Seconda guerra mondiale. I suoi avversari tendono a esprimere sentimenti piuttosto simili. Stranamente, quando ci si scrolla di dosso il miraggio di slogan propagandistici a bizzeffe, il pessimismo radicato e crescente è quasi palpabile su quale lato del bivio che ci attende trarrà i maggiori benefici da tutto questo. Martin Wolf, editorialista capo del Financial Times nella sezione economia e uno degli economisti mondiali più influenti secondo Bloomberg, afferma che questo è un momento di paura schiacciante ma anche di vaga speranza. Un tempo accanito sostenitore della globalizzazione e della deregolamentazione basate sul modello neoliberista statunitense, nel frattempo sembra aver rivisto e opportunamente adattato le sue opinioni. Ha pubblicato il libro “La crisi del capitalismo democratico”, cioè del capitalismo occidentale e del suo modello di gestione e governance. Va da sé che l’impatto di Martin Wolf non è certo commisurato a quello di Sergey Lavrov, né tantomeno a quello di Vladimir Putin, ma non è detto che Wolf, così come Lavrov, non riesca a riconoscere il momento in cui si trova il mondo. Per questo, Wolf emana un pessimismo che è proporzionato all’ottimismo sicuro di sé di Lavrov. Lavrov sottolinea le ragioni del suo ottimismo, in occasione della Giornata dei Lavoratori Diplomatici: i Paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, hanno svolto fino ad oggi il ruolo decisivo nel plasmare le relazioni internazionali, le economie e le finanze globali, anche se hanno abusato pesantemente di questa posizione di potere, tanto che il mondo intero si è reso conto che questa non è più la strada geopolitica da seguire. Il nuovo mondo deve essere costruito sulla base del consenso reciproco e dell’equilibrio degli interessi di tutti i Paesi, piuttosto che sui dettami del Collettivo Occidentale di tutti coloro che vogliono governare per sempre il mondo con i loro metodi di colonialismo e neocolonialismo. L’isolamento è un’illusione, dice Sergey Lavrov nella sua più sofisticata sfida diplomatica. Coloro che per anni hanno violato apertamente la Carta delle Nazioni Unite, coloro che hanno compiuto le più orrende aggressioni armate alla Jugoslavia, all’Iraq e alla Libia, solo per citarne alcune, coloro che hanno sporcato la loro reputazione con la colonizzazione sanguinaria, coloro che ancora cercano disperatamente di continuare le loro pratiche coloniali nei Paesi del mondo, si sono posti in un isolamento internazionale. Nel suo distinto manifesto anti-occidentale e anti-coloniale, Sergey Lavrov afferma che il programma palese dell’Occidente collettivo di isolare la Russia e dividerla dal resto del mondo si è risolto in un misero fallimento. Nonostante la dissolutezza antirussa (geopolitica, finanziaria e diplomatica) di Londra, Washington e Bruxelles, stiamo consolidando le nostre relazioni di buon vicinato nel senso più ampio del termine con i Paesi dell’Eurasia, dell’Asia-Pacifico, del Medio Oriente, dell’Africa e dell’America Latina, eccetera, che sono sicuramente i Paesi governati dai loro interessi nazionali vitali. Il corso principale dello sviluppo globale di molti Paesi e la nostra posizione globale in questa nuova architettura geopolitica policentrica saranno decisi nei prossimi anni, afferma Lavrov. Ma questo nuovo modello non è il modello occidentale di governance e gestione sotto forma di sfruttamento di tutti gli altri per i propri interessi. L’Occidente ha perso la faccia e il suo potere di attrazione nel resto del mondo quando ha mostrato i suoi veri colori. L’Occidente ha anche sperimentato il fallimento dell’Occidente stesso, in quanto il sistema ha iniziato a divorare se stesso. Martin Wolf fa riferimento ad alcuni dati devastanti che, se guardati più da vicino, dimostrano la natura cannibale di quell’ordine sociale che, dice Lavrov, si basa su alcune regole di cui continuano a parlare, ma che non hanno mai presentato a nessuno. Ecco cosa ha presentato Wolf: Dal 1993 al 2015, l’1% più ricco è diventato sempre più ricco, accaparrandosi il 52% della crescita totale del reddito reale delle famiglie. Inoltre, cifre simili sull’arricchimento spudorato e ingiusto di una piccola minoranza favolosamente ricca a spese degli altri vengono pubblicate ogni anno in occasione del raduno annuale del World Economic Forum a Davos, per cui questo processo brutale si perpetua nella misura in cui è reso possibile da una stampa di denaro infinita ma spesso non comprovata e dal consenso di tutti gli altri a questo stato di cose. Wolf conferma che, mentre in Occidente il consenso sociale è stato dato dai ricchi che hanno dirottato la politica attraverso il finanziamento delle campagne e l’onnipresente lobbying, cioè la corruzione, il suddetto consenso a questo modo di gestire le questioni in politica e la cooperazione internazionale sta lentamente ma inesorabilmente diminuendo. Tutte le prove che dimostrano le parole di Lavrov si moltiplicano. Anche il Financial Times non ha potuto fare a meno di notare che l’ordine economico mondiale sta subendo un profondo cambiamento, in cui finora gli Stati Uniti sono stati un leader senza precedenti e il dollaro americano è stato una valuta forte di primo piano. La velocità del processo di de-dollarizzazione sta aumentando rapidamente. E continua dicendo che con l’espansione dei BRICS la de-dollarizzazione dei flussi commerciali potrebbe espandersi ulteriormente. A questo proposito, Sergey Kozlov, ambasciatore russo in Arabia Saudita, ha confermato che l’Arabia Saudita vuole assolutamente entrare a far parte dei BRICS e della Shanghai Cooperation Organization. È in corso un nuovo riallineamento geopolitico a livello globale. Bisogna tenere presente che nessun Paese dell’Occidente collettivo ha aderito alle sanzioni anti-russe nell’ultimo anno, da quando è iniziata l’operazione militare speciale russa in Ucraina. Tuttavia, questo non significa che i potenti padroni dell’Occidente collettivo non siano abbastanza potenti da non rappresentare un grave pericolo. Possiedono fondi sufficienti, ma purtroppo livelli di moralità insufficienti. Il sabotaggio americano-norvegese del Nord Stream è un’altra prova che lo dimostra. Vladimir Putin aveva ragione a dire che questo è il decennio più incerto, più pericoloso e più importante dalla Seconda guerra mondiale. Il destino del mondo in cui viviamo dipende dalle conseguenze di questa battaglia multifrontale in corso. Il mondo deve ancora vedere quanto sarà pericoloso il decennio che ci attende, quale sarà la nuova architettura geopolitica globale e chi la costruirà. https://strategic-culture.org/news/2023/02/22/world-teetering-on-new-polycentric-geopolitics/ Traduzione a cura di Armando Savini https://t.me/chaosmega

Potrebbe interessarti anche